La Scoliosi

Informazione: Il dott. Matteo Palmisani fa parte dell’equipe del Centro Scoliosi e Malattie della Colonna Vertebrale presso Hesperia Hospital.

Si definisce scoliosi una deviazione della colonna vertebrale sul piano frontale. Distinguiamo un “atteggiamento di scoliosi” o “scoliosi non strutturata” e la “scoliosi strutturata”.
Con scoliosi non strutturata o atteggiamento di scoliosi si definisce una deformità della colonna vertebrale sul piano frontale completamente correggibile in posizione supina, caratterizzata clinicamente dalla presenza di asimmetria dei fianchi o delle spalle ma senza la rotazione vertebrale o gibbo.
L’atteggiamento di scoliosi può essere primitivo “senza causa apparente”, si tratta di bambini o ragazzi che presentano un habitus astenico con insufficienza dei muscoli del tronco

o secondario: da cause superiori in presenza di anomalie dei muscoli del collo (un torcicollo miogeno), del cingolo scapolare o contratture antalgiche dei muscoli (cervicalgie o cervicobrachialgie da ernia del disco); da cause intermedie contratture dei muscoli del tronco (neuropatie intercostali, dorsalgie, ernie del disco) e da cause inferiori (dismetria degli arti inferiori, atteggiamenti viziati dell’anca, contratture del cingolo pelvico, lombosciatalgie).

Con scoliosi strutturata si definisce una deviazione laterale della colonna vertebrale sul piano frontale, non riducibile o parzialmente riducibile in posizione supina,

con rotazione vertebrale che si evidenzia con un gibbo costale

o paravertebrale lombare, i dischi e le vertebre compresi nella curva risultano deformati nella loro struttura per la presenza di torsione vertebrale.

Secondo la Scoliosis Research Society la scoliosi strutturata si classifica in:

  • Idiopatica
  • Congenita
  • Neuromuscolare

da patologie del I° motoneurone: Cerebropatie

da patologie del II° motoneurone: congenite Atrofia muscolare spinale (SMA) o acquisite Poliomielite

da patologie del muscolo: Distrofiacmuscolare di Duchenne ed altre miopatie

  • Neurofibromatosica
  • Collagenopatie
  • Malattie reumatiche
  • Osteocondrodistrofie
  • Traumi vertebrali
  • Infezioni
  • Disordini metabolici
  • Spondilolistesi
  • Tumori

La scoliosi idiopatica si definisce come una scoliosi strutturale che evolve nel periodo dello sviluppo scheletrico e che non hanno un’etiologia ben definita. Rappresenta circa il 70% delle scoliosi strutturali.

Presenta un’incidenza tra il 2 ed il 4% nell’età dell’adolescenza fra i 10 e 14 anni. In Italia ed in particolare a Bologna, in uno studio a cui ho partecipato   presenta una incidenza del 3,4%,  fortunatamente però non tutte le scoliosi sono evolutive ma solo lo 0,7% peggiora tanto da dover essere necessario un trattamento con busto ortopedico.

Numerosi studi sono stati rivolti alla patogenensi della scoliosi idiopatica, sono stati eseguiti studi genetici, metabolici, sul sistema dell’equilibrio, biomeccanici.

Modernamente gli studiosi sono d’accordo che la scoliosi idiopatica ha una genesi multifattoriale dove il fattore genetico familiare riveste un’importanza preminente. Si tratta di una patologia che colpisce maggiormente il sesso femminile e più soggetti di una stessa famiglia.

La scoliosi idiopatica si divide in base all’età di comparsa:
Infantile quando compare da 0 a 3 anni e comprende:

  • le “resolving scoliosis” a prognosi favorevole avendo una evoluzione verso la scomparsa in pochi mesi
  • la forma evolutiva che peggiora rapidamente tanto da dover essere trattata con busti o intervento chirurgico.

Giovanile, che interessa bambini fra i 3 e i 10 anni a prognosi sfavorevole per la sua spiccata evolutività verso il peggioramento.

Dell’adolescenza quando compre dopo i 10 anni

Dell’adulto dopo la maturità scheletrica.

I fattori prognostici sulla evolutività della scoliosi idiopatica sono:

  • età di insorgenza
  • valore angolare
  • tipo di curva
  • maturità scheletrica

Per quanto riguarda l’età di insorgenza è intuitivo pensare che prima la scoliosi compare e maggiori saranno le possibilità che questa peggiori.
Il periodo dello sviluppo puberale rappresenta quello di maggiore evolutività della scoliosi.

Il valore angolare alla diagnosi è un fattore prognostico importantissimo. Sappiamo che le scoliosi al disotto dei 10° sono poco evolutive mentre le scoliosi che superano i 30° sono notevolmente evolutive. Il valore di 15° rappresenta il minimo per pensare ad un trattamento ortopedico con busti. I 40° rappresentano il valore  oltre il quale viene posta una indicazione chirurgica.

Per quanto riguarda il tipo di curva esistono scoliosi a curva unica toracica, toracolombare  o lombare che possono essere destra o sinistro convesse e le scoliosi doppie primarie o ad “S italica”. Le forme più evolutive sono le doppie primarie seguite dalle toraciche mentre le toracolombari e le lombari sono meno evolutive.

La maturità scheletrica riveste un ruolo di notevole importanza. Tanto più il grado di maturità scheletrica è elevato minori sono le possibilità di peggioramento della scoliosi che nella maggior parte dei casi termina a compimento della crescita. Questo purtroppo è vero per scoliosi che hanno un valore angolare inferiore ai 20° mentre le scoliosi comprese fra i 25° ed i 40 ° possono peggiorare anche dopo la maturità scheletrica, anche se in modo molto lento, di circa 0,5-1° all’anno. Le gravidanze rappresentano sicuramente un fattore di spinta verso il peggioramento.

CURA DELLA SCOLIOSI

Il trattamento della scoliosi può essere conservativo o chirurgico.

Atteggiamento scoliotico o scoliosi non strutturata 

Il trattamento consiste nell’osservazione periodica, per poter evidenziare i minimi accenni di strutturazione della curva, e nel trattamento riabilitativo teso a ripristinare una corretta postura. Negli atteggiamenti di scoliosi secondari il trattamento si giova nella risoluzione della causa da cui dipende la curva come ad esempio in presenza di una dismetria degli arti basta correggere la dismetria per risolvere lo sbandamento del rachide o curare con terapia medica, fisica  o chirurgica una ernia del disco.

Scoliosi idiopatica strutturale 

L’osservazione e la fisioterapia sono indicate in curve di valore angolare inferiore a 15°, dopo la pubertà.

In presenza di una scoliosi di valore angolare superiore a 15°, prima della pubertà con documentato aggravamento è indicato un trattamento ortopedico con busto.

busti ortopedici che possono essere impiegati sono il Milwaukee,

il Lionese,

lo Cheneau ed i corsetti lombari bassi come il CLB (Corsetto Lombare Bolognese).

Il trattamento ortopedico con busti ha lo scopo di impedire il peggioramento  delle curve piuttosto che ridurre il valore angolare, per tale motivo il trattamento va intrapreso il prima possibile. Ma se la curva non è particolarmente grave ed è elastica, il busto viene accettato e correttamente indossato si può assistere, non infrequentemente, alla correzione della curva.

Per quanto riguarda le modalità di trattamento il busto va indossato a tempo pieno, a tempo parziale o solo di notte.

Il tempo pieno (20-22 ore al di),  va prescritto in curve di entità > di 25° in età infantile o pre pubere; il tempo parziale (16-18 ore al di) è indicato in presenza di curve tra i 20° e 25° , mentre il trattamento notturno(12 ore al di) si prescrive  nelle scoliosi di valore angolare compreso fra 15° e 20° e nello svezzamento dal tempo pieno o parziale. Il tempo di impiego del busto ortopedico va progressivamente ridotto man mano che la crescita rallenta e si avvicina la maturità scheletrica che si compie quando alle rx si evidenzia la fusione del nucleo di accrescimento della cresta iliaca (Test di Risser completo).

Il trattamento chirurgico è indicato in presenza di scoliosi con valore angolare superiori a 40° evolutive in età pre e post pubere e nelle scoliosi che si aggravano anche con un trattamento ortopedico ben condotto.

Il trattamento chirurgico consiste nell’eseguire una artrodesi vertebrale costituita nell’impianto dei mezzi metallici in genere di titanio, viti peduncolari o uncini e barre e lacci che vengono passati al disotto delle lamine vertebrali che permettono la correzione della scoliosi e completata dalla decorticazione delle vertebre e dalla loro successiva fusione attraverso l’utilizzo di innesti ossei prelevati dallo stesso paziente o di banca o sintetici.

postumi sono rappresentati dal blocco del movimento delle vertebre interessate, per tale motivo l’estensione dell’artrodesi è sempre limitata, quando possibile alle vertebre dorsali o lombari alte,

in cui il movimento risulta minore. Tanto più distalmente, verso il sacro, si estende l’artrodesi tanto maggiori saranno le limitazioni di motilità del rachide lombare con danno funzionale.

vantaggi dell’intervento sono il blocco del peggioramento e la correzione della deformità con un buon guadagno estetico.

rischi sono legati alla possibilità, peraltro molto rara, di un danno neurologico che nella maggior parte dei casi è incompleto e a prognosi favorevole, alla possibilità che si possa sviluppare una infezione precoce o a distanza anche di anni dall’intervento e dalla mancata fusione dell’innesto osseo con formazione di una pseudoartrosi che porta spesso ad un fallimento meccanico della strumentazione con possibilità di recidiva della deformità e dolori che comportano la necessità di un nuovo intervento chirurgico.

La scoliosi dell’adulto si divide in due grandi gruppi: la scoliosi idiopatica che è evoluta in età adulta

 

e la scoliosi che compare in età adulta dopo i 45 anni a causa dei fenomeni degenerativi del rachide detta “scoliosi de novo”.

 

Clinicamente è caratterizzata da un  lento peggioramento e dall’insorgenza di dolore e limitazione della motilità a livello del rachide lombare associata a volte a dolori che si irradiano agli arti inferiori (sciatalgia o cruralgia) e raramente a deficit neurologici per compressione radicolare o stenosi del canale vertebrale lombare e claudicatio neurogena (difficoltà alla deambulazione per l’insorgenza di crampi e dolori agli arti inferiori).

Nella maggioranza dei casi il trattamento è conservativo con antidolorifici, busto ortopedico e fisioterapia.

Il trattamento chirurgico va intrapreso solo in casi veramente selezionati: in presenza di grave peggioramento, dolore che non recede al trattamento conservativo o in presenza di claudicatio neurogena o deficit neurologici periferici.

In età adulta l’intervento è gravato purtroppo da una maggiore incidenza di complicazioni.

Il trattamento della scoliosi dipende principalmente dall’età e dal valore angolare della deformità come rappresentato nella seguente tabella riassuntiva.

 

Dott. Matteo Palmisani

Ordine dei Medici di Foggia n° 3089 rilasciata il 21/10/1983

P. IVA n° 02551490374

Telefono diretto:

+39 335 645 97106e92c33a1897e5484d1669dbf9b9daf4

matteo.palmisani@fastwebnet.it

Il sito dottmatteopalmisani.it rispetta le linee guida nazionali della FNOMCeO in materia di pubbicità sanitaria, secondo gli artt. 55-56-57 del Codice di Deontonogia Medica.
La notizia relativa alla pubblicazione del sito è stata inviata all’Ordine dei Medici di Foggia.
Le informazioni contenute in questo sito si intendono per un uso esclusivamente informativo, non promozionale e non sostitutive di una visita medica.

 

Il presente sito utilizza i cookies di tipo tecnico, per offrirti la migliore esperienza di consultazione possibile. Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi